Cosa sono e come si usano le resine poliuretaniche

Le resine poliuretaniche, dette anche resine da colata, sono delle resine bicomponenti veloci principalmente usate per la riproduzione di modellini e prototipi.

La reazione chimica per la sintesi dei poliuretani è stata scoperta in Germania tra la prima e la seconda guerra mondiale: nel 1937, più precisamente, il professor Otto Bayer sviluppò una nuova tecnica di polimerizzazione, che rappresenta la base della ricerca che ha permesso di sviluppare le resine poliuretaniche di oggi.

In generale, possiamo dire che il poliuretano è un materiale sintetico che oggi trova largo uso in moltissimi aspetti della nostra vita: dalle suole delle scarpe, realizzate in poliuretano elastico, al settore edile, dove viene impiegato in forma schiumogena per l’isolamento termico, al settore artigianale e del fai da te, utilizzato in forma rigida per un’ampia gamma di applicazioni.

Le resine poliuretaniche da colata che conosciamo oggi sono resine bicomponenti perché sono formate sempre da due elementi: un componente A, la resina da colata base con poliolo, e un componente B, il catalizzatore con isocianato.

Una volta miscelati, questi due componenti solidificano a temperatura ambiente in tempi molto rapidi e danno origine ad un composto rigido, stabile da un punto di vista dimensionale ed irreversibile, dotato di elevata resistenza meccanica.

Vediamo adesso quali sono le caratteristiche principali della resina poliuretanica da colata e perché è perfetta per i tuoi progetti in resina.

 

Tutte le caratteristiche delle resine poliuretaniche da colata

Abbiamo già detto che la resine poliuretaniche sono resine bicomponenti che si presentano come due liquidi (componente A e B), di solito uno di colore bianco e l’altro bruno/trasparente, che, una volta uniti, induriscono a temperatura ambiente.

Ecco adesso le caratteristiche principali delle resine poliuretaniche da colata:

  • bassa viscosità.
    Questo significa che si tratta di un prodotto molto fluido e scorrevole, veramente semplice da utilizzare nel caso di applicazione per colata.
    Proprio per la loro viscosità le resine poliuretaniche da colata sono apprezzate nel settore della prototipazione rapida e nella costruzione di modelli, in quanto penetrano capillarmente nello stampo riproducendone fedelmente ogni minimo dettaglio;

  • ottima resistenza al calore, agli urti e alle abrasioni, una volta indurita;

  • bassa costante dielettrica.

  • perfetta sformatura dallo stampo o dal calco nel quale viene versato;

  • modesto ritiro lineare/ottima stabilità dimensionale.

    In parole semplici, significa che le resine poliuretaniche godono di un bassissimo ritiro lineare una volta indurite, soprattutto se sono caricate con cariche molto leggere per ottenere manufatti a basso peso specifico.

  • semplice rapporto di miscela in peso 1:1.
    Questo tipo di resine da colata vanno mixate in rapporto 1:1 in peso o in volume e il fatto di poterli misurare per volume rende molto semplice il processo, in quanto basta prendere due contenitori qualunque (due bicchierini di plastica, ad esempio) e versare la stessa quantità di ogni componente.
    Semplicemente per ogni 100 grammi di resina base, occorre versare 100 grammi di agente indurente per ottenere la catalisi.
    I due componenti vanno sempre miscelati in parti uguali.

  • tempi di indurimento/catalisi molto rapidi a temperatura ambiente grazie all’aggiunta del catalizzatore.
    Solitamente i tempi di indurimento delle resine poliuretaniche sono molto bassi e dipendono dal tipo di prodotto utilizzato.
    Nel caso delle resine poliuretaniche Fil Bianco e Fil Grigio, ad esempio, i tempi di catalisi sono di soli 20 minuti e non fanno bolle d’aria.

  • sono inodore e non tossiche. 
    Le resine poliuretaniche di buona qualità non emanano alcun odore, né durante la miscelazione, né durante la colata, né dopo l’indurimento.

  • elevata flessibilità ed elasticità anche a basse temperature;

  • ottima finitura superficiale;

  • eccezionali proprietà idrorepellenti.

 

Insomma, proprio grazie a tutte queste sue caratteristiche, la resina poliuretanica è molto usata nel modellismo statico e dinamico per la riproduzione di modelli di piccole e medie dimensioni, per la creazione di prototipi e per la riproduzione di manufatti anche di grandi dimensioni grazie all’utilizzo di stampi in gomma siliconica.

Una volta colata nello stampo in silicone o in un calco, infatti, la resina poliuretanica è in grado di penetrare in ogni più piccola cavità e consente di ottenere riproduzioni dall’originale perfettamente fedeli in ogni minimo dettaglio.

Al termine del processo di indurimento, otterrai un composto finale compatto e rigido, simile alla plastica di colore bianco o grigio a seconda della resina che usi (Fil Bianco o Fil Grigio), un prodotto stabile, dotato di elevata durezza (shore D 70-77) e resistenza all’urto, con un’ottima finitura superficiale, asciutto e pronto per essere lavorato, verniciato o incollato.

 

Resina poliuretanica: come si usa

Se sei alle prime armi con la resina poliuretanica da colata, sappi che è veramente molto semplice realizzare modelli, riproduzioni, oggetti e prototipi di ogni tipo, anche perché hanno il grande vantaggio di avere un rapporto di catalisi molto semplice (1:1) e di indurire in soli 20 minuti.

Ed ora, ecco la guida su come si usa la resina poliuretanica da colata.

Prima di cominciare, devi dotarti di:

  • stampo in gomma siliconica o altri materiali;
  • kit resina poliuretanica da colata (base + catalizzatore);
  • bilancia digitale;
  • contenitore in plastica o silicone;
  • bacchetta in legno o plastica;
  • guanti in nitrile;
  • mascherina.

 

Se hai tutto l’occorrente, iniziamo.

  1. Prepara lo stampo
    Per poter realizzare oggetti, modellini o qualunque altra cosa tu voglia, occorre uno stampo o un calco che deve essere in gomma di silicone o in metallo, ma non in legno o plastica altrimenti la sformatura sarebbe impossibile, perché una volta indurito il poliuretano farebbe un corpo unico lo stampo.

    Se devi scegliere uno stampo, noi ti consigliamo di usare il silicone, più semplice e pratico rispetto al metallo e ti permette di riprodurre con la massima semplicità anche il più piccolo dettaglio.

  2. Prepara la resina poliuretanica da colare
    Indossa guanti e mascherina: i prodotti non sono tossici, queste precauzioni servono solo per evitare il contatto con eventuali allergeni presenti nel prodotto.

    Il rapporto di miscelazione della resina poliuretanica è 1:1, pertanto occorre sempre la stessa quantità di resina A e di indurente B.

    Usa la bilancia digitale per pesare la quantità di resina base A che ti occorre e versala nel contenitore. Se non hai bisogno di una quantità specifica, puoi misurarla anche con un semplice bicchiere di plastica o di silicone, basta usare poi la stessa misura per l’indurente.

    A questo punto, aggiungi il catalizzatore parte B e continua a miscelare per almeno 30/40 secondi.

    È possibile caricare il prodotto aggiungendo specifiche cariche prive di umidità in quantità variabile a seconda dello spessore della colata: tali cariche conferiscono elevate resistenze meccaniche e termiche e riducono ulteriormente il ritiro lineare.

  3. Cola la resina poliuretanica
    Inizia a colare con cautela la resina nello stampo.

    Le resine Fil Bianco e Fil Grigio permettono un’ottima lavorabilità sia su superfici che con stampi siliconici e proprio grazie alla loro bassa viscosità, riuscirai senza problemi a colare senza inglobare bolle d’aria.

fil bianco resina poliuretanica veloce color bianco facile da colorare catalizza in 20min

FIL BIANCO - Resina poliuretanica veloce color bianco facile da colorare (catalizza in 20min)

Resina bianca per creazioni perfette in 20 minuti. ECCELLENTI PROPRIETÀ MECCANICHE: la sua viscosità permette la colata senza inglobare bolle d'aria, permettendo un'ottima lavorabilità sia su superfici che con stampi siliconici.

fil grigio resina poliuretanica color grigio per modellismo catalizza in 20min

FIL GRIGIO - Resina poliuretanica color grigio per modellismo (catalizza in 20min)

Resina grigia per creare modelli perfetti in 20 minuti senza bolle d’aria. ECCELLENTI PROPRIETÀ MECCANICHE: la sua viscosità permette la colata senza inglobare bolle d'aria, permettendo un'ottima lavorabilità sia su superfici che con stampi siliconici.

  1. Attendi i tempi di indurimento
    I tempi per la catalisi della resina da colata sono generalmente bassi, sono sempre indicati dal produttore e presenti nelle schede tecniche in dotazione con il prodotto.
    Dipendono dalla temperatura dello stampo e dei componenti (almeno 20°-25° per rispettare i tempi indicati dal produttore) e variano in base allo spessore: spessori sottili induriscono più lentamente rispetto a spessori più alti.
    Noi ti consigliamo di non intervenire per ridurre i tempi indicati, soprattutto se sei alle prime armi.
    Nel caso della Fil Bianco e Fil Grigio basta aspettare circa 20 minuti per ottenere oggetti pronti per essere sformati e avrai un tempo di lavorabilità di 5 minuti.

  2. Conserva i componenti
    Ti consigliamo di conservare entrambi i componenti A e B nelle confezioni originali ben chiuse ad una temperatura compresa tra i 5° C e i 30° C, lontano da fonti di calore, umidità, radiazione, elettricità statica e alimenti. In queste condizioni, la tua resina da colata può durare fino a 6 mesi dall’apertura.

 

Come colorare le resine poliuretaniche

Un piccolo approfondimento deve essere dedicato a come colorare le resine poliuretaniche.
Per ottenere degli oggetti colorati in massa con le resine Fil Bianco è molto semplice e avrai un risultato brillante e perfetto che ti sorprenderà.

Le resine poliuretaniche possono essere colorate con ogni tipo di colore purché non sia a base acqua: noi ti consigliamo i colori Color e Resin Art, perfettamente compatibili con tutte le resine poliuretaniche migliori che ti assicureranno un colore intenso e omogeneo.

 

Come aggiungere il colore alla resina poliuretanica in modo corretto

Dati i veloci tempi di catalisi, per lavorare con calma ed evitare di sprecare prodotto, ti consigliamo di aggiungere il colore ad un componente e poi aggiungere il secondo.
Quindi, una volta versato il componente A nella giusta quantità in un bicchiere, aggiungi il colore e mescola fino a raggiungere un miscela omogenea; a questo punto puoi aggiungere il catalizzatore (parte B) e miscelare di nuovo. Quando il composto è omogeneo puoi versarlo nello stampo.

Quando capisco che il processo di catalisi è iniziato e devo subito colare il composto nello stampo?

Suggerimento: appena inizia la reazione termica il composto si scalda e da quel momento hai pochi secondi per versare il contenuto nello stampo prima che si indurisca completamente.

Ecco i migliori colori per resina poliuretanica:

colori per resina epossidica

RESIN ART COLOR - Colori intensi e brillanti per resina in 5 colorazioni da 50ml (effetto coprente)

Colore intenso per resine effetto coprente, ideale per le resine Fil Bianco e Fil Cristal. Disponibile in confezioni da 50ml ed in 5 diverse colorazioni: rosso, blu, giallo, bianco e nero o kit.

fil cristal color classic colori per resina

FIL CRISTAL COLOR - Colori trasparenti e brillanti per resina in 5 colorazioni da 50ml (effetto vetro)

Colore trasparente brillante e luminoso ideale per la resina Fil Cristal. Arricchito con un filtro speciale UV che ne migliora la resistenza alla luce. Disponibile in confezioni da 50ml in 5 diverse colorazioni: rosso, blu, giallo scuro, bianco e nero.

fil cristal color special colori per resina

FIL CRISTAL COLOR SPECIAL - Colori special trasparenti e brillanti per resina in 4 colorazioni da 50ml (effetto vetro)

Colore trasparente brillante e luminoso ideale per la resina Fil Cristal, Cristal E e Resine UV. Arricchito con un filtro speciale UV che ne migliora la resistenza alla luce.

Si tratta di prodotti liquidi ad altissima concentrazione di colore per resine poliuretaniche e gomme poliuretaniche, caratterizzati da elevata brillantezza, resistenza ai raggi UV e alle temperature.

Inoltre, tutte i colori per resine poliuretaniche sono miscelabili tra loro per ottenere infinite nuance e, grazie all’elevato potere colorante, anche a bassi dosaggi permettono di ottenere colorazioni intense.

Se rispetti i dosaggi consigliati, le caratteristiche fisico-meccaniche della resina poliuretanica non vengano alterate.

 

Dove usare la resina poliuretanica bicomponente

Le resine poliuretaniche sono molto utilizzate per la riproduzione degli oggetti con stampi in gomma siliconica perché sono relativamente economiche e semplici da utilizzare.

Qui di seguito trovi tutti i settori applicativi della resina poliuretanica:

  • Modellismo
    Con la resina poliuretanica da colata, puoi riprodurre piccoli oggetti, modelli in scala di automobili, navi, aerei, figurini, artiglierie, usando stampi in gomma siliconica per riprodurre fedelmente forme e dettagli dell’oggetto originario. Come hai già visto, il modellino si ottiene semplicemente colando la resina nello stampo e attendendo i tempi di catalisi. È anche indicata per la riproduzione di modelli di spessori sottili o superiori ai 20 mm che richiedono una sformatura rapida.

  • Prototipazione rapida
    Grazie alle sue caratteristiche, questa resina da colata consente la costruzione rapida di prototipi dimostrativi.

  • Artigianato
    Con la resina poliuretanica puoi riprodurre diversi oggetti di artigianato in ogni minimo dettaglio, come perfetta riproduzione degli originali.

  • Industria
    La resina poliuretanica ti permette di costruire manufatti di piccole e medie dimensioni, apparecchiature utilizzabili in settori ad alta tecnologia (elettrico-elettronico ed elettrotecnico), protezione di guarnizioni dei semi-conduttori, isolamento dielettrico per impregnazione o verniciatura di macchine o materiali etc.

  • Resine poliuretaniche per pavimenti
    La resina poliuretanica viene utilizzata anche nel settore delle pavimentazioni per le caratteristiche di flessibilità e resistenza la contraddistinguono. Viene utilizzata per la realizzazione di pavimentazioni industriali, per la finitura di pavimentazione in parquet, per pavimentazioni decorative e per la finitura delle superfici.
    La finitura di resina poliuretanica sui pavimenti presenta una buona resistenza all’ingiallimento, all’abrasione superficiale e facilita le operazioni di pulizia.

 

Quanto costano e dove comprare le resine poliuretaniche

Le resine poliuretaniche da colata sono più economiche rispetto ad altri tipi di resine.
Solitamente hanno un prezzo che varia tra i 12,00 €/Kg e i 35,00 €/Kg, ma dipendono spesso dalle confezioni e dalla qualità.

Se ti stai chiedendo dove comprare resine poliuretaniche, sappi che puoi trovarle nei colorifici, nelle ferramenta più fornite della tua città oppure online sul nostro sito www.reschimica.com, dove trovi in vendita le due migliori resine poliuretaniche bicomponenti in commercio.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email